Nuova tensostruttura per lo sport: rispondiamo alle 10 domande più frequenti

Alcune persone mi chiedono motivazioni in merito alla tensostruttura realizzata al centro sportivo.

La materia, è stata più volte trattata al Tavolo dello Sport, e per i non addetti ai lavori rispondo qui sotto per fare chiarezza, alle 10 domande più frequenti.

– Perché si è deciso di realizzare uno spazio per gli allenamenti? 

Analizzando le necessità delle associazioni sportive era chiaro che le palestre, negli orari 17:00-21:00 infrasettimanali fossero più che sature, costringendo alcune associazioni ad emigrare in paesi limitrofi per gli allenamenti. Invece per partite e gare nel weekend, allo stato attuale il Palazzetto è sufficiente seppur saturo e senza possibilità di aumento di eventi.

– Quali associazioni utilizzano oggi la tensostruttura?

Judo e karatè che non potevano più usare il seminterrato della scuola Fermi, basket con gli allenamenti che prima si svolgevano ad Arcore, atletica, nello specifico per salto con l’asta indoor, la cui struttura più vicina era fuori provincia. Inoltre vi si può praticare volley, calcetto e tennis.

– Perché judo e karatè non possono più usufruire del seminterrato della scuola Fermi?

Perché a seguito di adeguamenti del plesso scolastico quello spazio non è stato più utilizzabile per questioni tecniche e normative, al fine dell’ottenimento del Certificato Prevenzione Incendi.

– Perché la tensostruttura non è dotata di spogliatoi?

Di fronte ad essa, ad appena 10 metri, ci sono i nuovi spogliatoi realizzati non più di 7 anni fa a servizio anche del campo di calcio a 11 in sintetico. Oltre a quelli per arbitri e allenatori vi sono 4 spogliatoi per altrettante squadre. Nei giorni infrasettimanali ne vengono utilizzati solo una parte, pertanto se richiesto e necessario gli altri possono essere utili all’attività della tensostruttura. Durante il weekend, al contrario, quando gli spogliatoi sono completamente sfruttati per le partite di calcio, in tensostruttura non vi è attività, in quanto partite ed eventi degli altri sport si svolgono altrove.

– Le associazioni che si allenano nella tensostruttura utilizzano i suddetti spogliatoi?

Al momento no per diversi motivi: judo e karatè sono praticati generalmente da bambini molto piccoli che normalmente fanno la doccia a casa, atletica utilizza la struttura in contemporanea alla pista e quindi utilizza gli spogliatoi della pista stessa. Inoltre nella tensostruttura sono presenti due spazi attrezzati a guardaroba per potersi cambiare.

– La struttura è predisposta per un futuro ampliamento con spogliatoi? 

Nello studio della sua collocazione si è tenuto conto di due aspetti per il futuro: lasciare lo spazio per costruirne un’altra di pari dimensioni e lo spazio per l’eventuale realizzazione di spogliatoi, quando e se dovessero divenire necessari.

Per quanto riguarda i servizi igienici, già ora, a soli 5 metri esiste un prefabbricato nuovo con due bagni di cui uno per disabili, a servizio degli atleti della tensostruttura in settimana e del pubblico del calcio nel weekend.

– Quanto è costata l’opera?

Comprendendo tutte le opere civili, la vasca per l’invarianza idraulica (prevenzione contro gli allagamenti in caso di forti piogge) gli impianti e le attrezzature sportive d’arredo, l’opera è costata poco meno di € 500.000. Grazie ad alcune caratteristiche innovative che hanno aumentato il numero di attività che vi si possono praticare, il progetto è salito molto nella graduatoria di un bando di Regione Lombardia, grazie al quale il comune ha ottenuto un finanziamento di € 150.000 a fondo perduto, oltre ad un mutuo ventennale a “tasso zero” aperto con il Credito Sportivo.

– Chi gestirà l’impianto?

E’ stato inserito nella gestione dell’intero centro sportivo. Manutenzione ordinaria e gestione daranno dunque in capo ad una figura specializzata, eliminando queste incombenze agli uffici comunali che potranno dedicarsi ad altro. La commissione del centro sportivo, formata anche dai rappresentanti delle associazioni, avranno possibilità di sorvegliare il livello di manutenzione e segnalare eventuali problematiche all’amministrazione pubblica.

– Come saranno gestite le ore per le associazioni sportive?

Come per tutte le altre strutture del centro sportivo, sono stabilite tariffe a prezzi convenzionati per le attività delle associazioni sportive.

Nel progetto di gestione sono state incluse delle indicazioni che danno al gestore ed alle associazioni degli strumenti precisi per la realizzazione del calendario annuale di utilizzo e per l’assegnazione degli spazi con regole oggettive ed imparziali.

– Con la tensostruttura si è risolto il problema delle infrastrutture indoor per lo sport? Solo in parte, manca ora l’ultima parte, quella che noi chiamiamo Campus e che secondo il nostro programma verrà realizzata presso l’area Nord, e di cui abbiamo gettato le basi necessarie con l’approvazione del Piano di Governo del Territorio. Come questa struttura risponderà a tutte le esigenze in essere lo spiegherò in un altro post.

Stay Tuned!